giovedì 5 giugno 2014

Pronti ad essere felici per 100 giorni consecutivi?

L'ambizioso proposito di questa iniziativa, non poteva passarmi inosservato. Si tratta di fotografare (e non dite che non vi piace selfare e instagrammare ad ogni occasione, tanto non ci credo :) per ben 100 giorni consecutivi, un momento della giornata in cui ci si sente felici e poi postare il tutto sul social che più ci piace con l'hastag #100happydays.

Photo by http://www.100happydays.com


Già sanno che un piccolo cloud con scritto "e chi ha tempo?!?!" si è affacciata nella nostra testolina. Effettivamente l'impegno potrebbe assumere contorni ossessivo-compulsavi, soprattutto se ci si accorge a scoppio ritardato di non aver immortalato il momento felicità del giorno.
Non vale barare. Dicono che se ne accorgono. Quindi niente foto di due anni fa, niente selfie di "recupero". Ma cosa dovrebbe spingere un individuo di media felicità  (o infelicità) a partecipare ad un contest simile?? Pare che la capacità di ricordare (e fissarsi su) i momenti infelici superi di gran lunga quella di ricordarsi delle beatitudini (count Your Blessings, please!). E allora questo diventa un simpatico esercizio (secondo me notevole anche da sperimentare in qualche scuola) per allenarsi a ricordarsi che questa vita sa dare tantissimo a chi è in grado di apprezzare. Pare che tra i vantaggi, dicono, potrebbe esserci quello di innamorarsi.Tutte le info le trovate qui.

Photo by http://www.mdftorino.it/?p=1869
E allora perché non "allenarsi alla felicità"?  Per chi durerà fino alla fine, la possibilità di vincere un libretto con tutte le 100 foto scattate, un diario della felicità. Dicono. Provare per credere :)





Posta un commento